addictions



Neurofeedback

Il Neurofeedback è una terapia di neuromodulazione non invasiva e non farmacologica che consente di “allenare” la concentrazione, il rilassamento e la gestione delle emozioni attraverso la regolazione delle onde cerebrali. È stato introdotto nelle cliniche neurocare ormai da molti anni, consentendo di elaborare un’evidenza clinica sulla sua efficacia, anche a lungo termine.

Il Neurofeedback è un training delle capacità cognitive. Lo scopo è educare il paziente a percepire e a raggiungere volontariamente e in autonomia specifici gli stati di attivazione mentale, come la concentrazione e il rilassamento, compromessi da disfunzioni nei circuiti cerebrali. L’autoregolazione delle attività cognitive contribuisce a ridurre sensibilmente i sintomi caratteristici di alcuni disturbi, come l’ADHD e i disturbi del sonno, e a migliorare il benessere psicologico generale della persona.

Il Neurofeedback è una terapia:


Naurale

Agisce sulla neuroplasticità, una caratteristica fisiologica del cervello che consente un naturale processo di apprendimento.



Sicura

Non sono inviati impulsi elettrici al cervello. L’attività cerebrale viene unicamente registrata e visualizzata sullo schermo di un pc.



Senza effetti collaterali

Non sono stati riscontrati effetti collaterali. È una terapia non farmacologica e in alcuni casi può essere utilizzata in alternativa ai farmaci.


Neurofeedback

Neurofeedback per ADHD

Consigliato dai sei anni in su.

Se ti prendi cura di una persona che soffre di ADHD o se convivi tu stesso con questa condizione, sappiamo che trovare una terapia efficace non è affatto semplice. Il Neurofeedback è una terapia non farmacologica, non invasiva e di breve durata che migliora concentrazione e iperattività, con benefici anche a lungo termine.


Scopri di più

Neurofeedback

Neurofeedback per disturbi del sonno

Consigliato dai sei anni in su.

Il sonno ha un ruolo fondamentale nel benessere fisico e psicologico. Il Neurofeedback è una terapia non farmacologica, non invasiva e di breve durata molto utile per aiutare chi soffre di insonnia o di un altro disturbo del sonno. Favorisce il rilassamento e l’addormentamento, con benefici riscontrabili anche a lungo termine.


Scopri di più

Come agisce sul cervello

Il cervello è composto da miliardi di cellule chiamate neuroni connesse tra loro tramite sinapsi. Quando i neuroni comunicano fra loro producono impulsi elettrici. L’attività elettrica del sistema nervoso centrale determina moltissime capacità cognitive, come l’apprendimento, la memoria e la percezione, e inoltre influenza il comportamento e la gestione delle emozioni.

L’attività elettrica del cervello può essere misurata e visualizzata sotto forma di onde. Analizzando le onde cerebrali è possibile farsi un’idea molto precisa del funzionamento dei processi cognitivi, dello stato dell’umore, dei livelli di stress di una persona. Il Neurofeedback consente di intervenire sull’ampiezza e sulla frequenza delle onde cerebrali attraverso un vero e proprio allenamento delle capacità cognitive.

Neurofeedback qEEG guidato

Per poter accedere al trattamento con Neurofeedback è necessario svolgere l’esame qEEG refertato da un medico specialista. Senza una valutazione accurata dell’attività cerebrale, è impossibile definire un percorso terapeutico con Neurofeedback su misura.


Come funziona una sessione


Vengono posizionati sul capo degli elettrodi in grado di misurare l’attività elettrica cerebrale.


Gli elettrodi sono collegati a uno schermo. L’attività cerebrale viene misurata, elaborata e convertita in tempo reale in segnali visivi ben interpretabili che compaiono sullo schermo.


Come in un videogioco, si viene invitati a eseguire delle azioni, per esempio seguire con lo sguardo l’immagine sullo schermo, concentrarsi, rilassarsi. Mentre si svolgono le attività, si ricevono dei feedback sotto forma di segnali visivi o uditivi. Se la richiesta è eseguita correttamente, il feedback sarà positivo, se invece è intralciata da un’attività cerebrale intrusiva, il feedback sarà negativo.


In questo modo, si assume gradualmente consapevolezza della propria attività cerebrale. Allenandosi, si impara ben presto a raggiungere gli stati di attenzione, concentrazione o rilassamento in maniera consapevole e autonoma. L’autoregolazione delle attività cerebrali contribuisce a diminuire sensibilmente i sintomi.



Neurofeedback

Vuoi ricevere più informazioni sul Neurofeedback o prenotare un appuntamento?

Lasciaci un messaggio:




neurocare rgb neg
Poliambulatorio privato

Direttore Sanitario
Dott.ssa Beatrice Casoni - Medico Psichiatra

E: [email protected]
T: 051 411 0631

Copyright neurocare group 2021