Stress Cronico e Burnout

L’incapacità di agire come reazione a richieste eccessive croniche, spesso aggravate da una mancanza di riconoscimento o di apprezzamento.
Quando dall’esterno ci arrivano richieste esigenti che non siamo in grado di soddisfare, unite alla mancanza di riconoscimento, le nostre risorse si possono esaurire e possiamo divenire incapaci di agire.
In alcuni casi, i sintomi del burnout sono simili a quelli della depressione.
Ci si sente esauriti, falliti, sovra-caricati e incapaci.
È quindi importante classificare esattamente se i disturbi siano inquadrabili come malattia depressiva o come conseguenze di attività lavorative o extraprofessionali stressanti (ad esempio, la cura dei parenti).

Sintomi di burnout

Il “burnout“ non è riconosciuto come categoria diagnostica propria nell’ambito degli attuali sistemi di classificazione dei disturbi mentali. Pertanto, è ancora difficile determinare esattamente cosa sia il burnout.
I segni del burnout si manifestano spesso nella tendenza a non essere in grado di “spegnere“ i pensieri di lavoro anche nel tempo extra-lavoro, a fare molti straordinari, a non poter dire di no ad altre richieste, ad avere un’alta aspettativa perfezionista delle proprie prestazioni lavorative e a mettere da parte le proprie esigenze.
Di conseguenza, la persona interessata si scontra sempre più spesso con i propri limiti di tolleranza allo stress e si ritrova in una sensazione di “sovraccarico soggettivo“ permanente. A livello emotivo e cognitivo, nel tempo si sviluppano paure di fallimento.
Inoltre, il livello di stress interno che persiste nel tempo può determinare una serie di disturbi fisici quali tensione muscolare, problemi digestivi, nausea, fluttuazioni di peso, disturbi del sonno e una maggiore suscettibilità alle infezioni. Con il tempo, le proprie risorse fisiche, emotive e cognitive si esauriscono fino a quando non si verifica un “esaurimento“ delle prestazioni.
La fine di questo processo si traduce spesso in una temporanea incapacità lavorativa.
In alcuni casi, il burnout può portare alla depressione.


Diagnosi e terapia per il burnout

Poiché il burnout non ha ancora una propria categoria diagnostica ed è invece una sindrome di vari sintomi, che di solito deriva da una situazione di sovraccarico professionale o extraprofessionale in corso, non esiste una terapia uniforme che valga per tutti gli individui. Tuttavia, è importante che la gravità di questi sintomi venga chiarita professionalmente, soprattutto quando la persona ha un’incapacità di agire e presenta sintomi di stress persistenti. Particolare attenzione deve essere prestata alla ricerca di eventuali altre malattie fisiche o mentali che potrebbero esserne la causa.

Se la causa del burnout non è dovuta a pressioni occupazionali imminenti, la psicoterapia a breve termine può aiutare a reagire in modo più appropriato agli attuali fattori di stress, ad apprendere strategie per la riduzione dello stress e ad applicarle efficacemente nel contesto lavorativo e a distinguersi meglio dalle esigenze esterne, tenendo conto delle proprie necessità.


Vi interessa sapere di più sui nostri trattamenti per la salute mentale?

Per saperne di più sui programmi di trattamento per lo stress cronico e il burn-out si prega di contattare la nostra Clinica di Bologna

Per ulteriori informazioni sui nostri trattamenti, telefona al NUMERO VERDE 800 714 020


Centro Clinico neuroCare Bologna

Logo neuroCare bunt Poster vector white e1521517724298

NUMERO VERDE 800 714 020

Poliambulatorio privato
Direttore Sanitario:
Dott.ssa Beatrice Casoni - Medico Psichiatra

Copyright neuroCare Group 2020